BENARES È UNA DELLE SETTE CITTÀ SACRE AGLI HINDU, FORSE LA PIÙ SACRA DI TUTTE, A VOLTE ACCAREZZATA, ALTRE VOLTE INONDATA DAL FIUME GANGE:  DOVE OGNI GIORNO, NELLE SUE ACQUE LURIDE E SACRE SI RIVERSA LA VITA DEI SUOI ABITANTI E DELL’INDIA INTERA. OGNI HINDU SPERA DI POTER MORIRE A VARANASI BEVENDO UN SORSO D’ACQUA DEL SUO FIUME PER NON DOVER POI RINASCERE E INTERROMPERE COSÌ IL SAMSARA. SENZA SOSTA, NELL’ARCO DELLE VENTIQUATTR’ORE, SULLE SCALINATE DEI GHAT VENGONO CREMATI I CORPI DI CENTINAIA DI DEFUNTI, FATTA ECCEZIONE DI SADU E BAMBINI, CHE VARRANNO POI DISPERSI NELLE ACQUE DEL FIUME.

 

BENARES È UN LUOGO MAGICO, INTRISO DI SACRALITÀ E CANTI MISTICI, CHE FIN DALLE PRIME ORE DEL MATTINO INVADONO LE STRADE E LE STANZE DI CHI ANCORA RIPOSA. VACCHE, CANI, CAPRE E UOMINI CHE BEVONO E SI BAGNANO NELL’ACQUA DEL FIUME; DONNE CHE AGGIUSTANO CORONE DI FIORI AL COLLO DI STATUE DI DIVINITÀ, E MUCCHE E CAPRE CHE FARANNO GARA PER MANGIARSELI POCHI ISTANTI DOPO; MENDICANTI STORPI E RICCHE SIGNORE IN VACANZA DAL LONTANO SUD DELL’INDIA, CHE RIPETONO GLI STESSI GESTI AI PIEDI DELLE IMPONENTI MURA DEL MUNSHI GHAT; LENZUOLA INCREDIBILMENTE BIANCHE, MESSE AD ASCIUGARE SUI CONTRAFFORTI DELLE SCALINATE, DOPO ESSERE STATE LAVATE IN QUELLE SCURE E VENERABILI ACQUE.

 

 

 

photography, styling & location scouting